Sei in: Vincolo Idrogeologico

 

In linea generale per tutti gli interventi, compresi quelli edilizi, o forme di utilizzazione che comportano movimentazione di suolo o hanno effetti su di esso o che comunque possono condurre a denudazioni, perdite di stabilità dei terreni o turbamento del regime delle acque. Non sono attualmente previste esclusioni per interventi di minima entità.

Le Prescrizioni di Massima e Polizia Forestale, emanate in attuazione del R.D. n. 1126/1926, prevedono poi l’assoggettamento a procedure di autorizzazione o denuncia inizio lavori, a seconda dei casi, per alcuni interventi riguardanti il governo e trattamento dei boschi,  la gestione dei castagneti da frutto, degli impianti di arboricoltura da legno, dei terreni pascolativi ed del pascolo, dei terreni cespugliati, il dissodamento ed il cambio di destinazione dei terreni saldi, la conduzione dei terreni agricoli, ecc. All’interno della procedura di autorizzazione al vincolo idrogeologico viene ricompresa  l’autorizzazione alla riduzione di superficie del bosco e la trasformazione dei boschi in altra qualità di coltura di cui all’art. 12 della L.R. n. 6/2005.

 
 

 

Per l'operatività con il Settore Privato - Tesoreria:

Unicredit Spa | Piazza Roma | Fil. Ancona

IBAN: IT 14 A 02008 02626 000106285670

Per l'operatività con Enti del Settore Pubblico:

Banca d'Italia | Tesoreria dello Stato | Sez. di Ancona

IBAN: IT 61 R 01000 03245 330300060537

n. Conto di Contabilità Speciale 60537

 
 
Validatore Validatore