La presidente Casagrande ricorda don Eugenio Del Bello

 
La presidente Patrizia Casagrande
La presidente Patrizia Casagrande

ANCONA - "Per chi, come me, nella fertile primavera degli anni settanta, iniziò la militanza politica nei gruppi cattolici di base e nelle Acli, don Eugenio non è stato solo un punto di riferimento, ma un vero e proprio modello. Un maestro di vita, capace di comprendere e condividere la sofferenza degli ultimi, non con rassegnazione, ma facendosi interprete delle loro aspettative e della loro ansia di riscatto. Molti lo hanno definito un'anticonformista. Forse è vero, sicuramente lo è per le modalità con le quali seppe rovesciare alcuni vecchi canoni ecclesiastici. Eppure anticonformista è un'etichetta che non mi piace e, soprattutto, non mi convince, quasi che il suo impegno sociale derivasse da una qualche forma di eccentricità e non, come sa bene chi lo ha a lungo frequentato, da una profonda empatia con i sentimenti e le difficoltà dei più umili. Sono certa che l'esempio di don Eugenio tornerà presto a rischiarare la comunità degli Archi dalla tristezza di queste ore, riprendere quel cammino che con generosità e sacrificio egli ci ha indicato nell'arco di una vita".

 

Così la presidente della Provincia di Ancona Patrizia Casagrande ricorda la figura di don Eugenio Del Bello, scomparso l'altro ieri all'età di 74 anni.

 

Ancona, 10 giugno 2010