Corridoio Adriatico-Baltico, la Provincia di Ancona: "Tracciato strategico per vera libera concorrenza"

Corridoio Adriatico-Baltico, la Provincia di Ancona: "Tracciato strategico per vera libera concorrenza"

 
ANCONA - "Condividiamo pienamente le parole del governatore Spacca e siamo pronti a fare la nostra parte affinché il corridoio Adriatico-Baltico venga esteso alle Marche e alle regioni del sud Italia".

Così l'assessore alle Infrastrutture della grande viabilità della Provincia di Ancona Antonio Gitto sulle richieste avanzate dal presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca a Bruxelles, durante i lavori della commissione consultiva congiunta sulle relazioni con la Croazia.

"Del resto - prosegue Gitto - da tempo la Provincia sostiene la necessità di un impegno istituzionale comune a sostegno di questa proposta. Il corridoio Adriatico-Baltico, infatti, non rappresenta solo un tracciato strategico per il tessuto produttivo della nostra regione verso i mercati est europei, ma anche un catalizzatore di nuove risorse per il collegamento della nostra Regione alle aree del nord Italia con l'Alta velocità. La costituenda Macroregione Adriatico-Ionica non può nascere con handicap infrastrutturali che danneggerebbero lo sviluppo di una vera libera concorrenza".

Ancona, 11 novembre 2011

Ufficio stampa della Provincia di Ancona
Simone Massacesi