Sei in: Home Page , Impianti Termici , Archivio Campagna 2011/2012

Campagna verifica impianti termici 2011/2012

Iniziativa "Bollino Verde" - E' partita l'autocertificazione degli impianti termici del territorio della Provincia di Ancona relativa a controlli per il biennio 2011-2012

La Provincia di Ancona in base alla legge regionale n. 9/2008 è tenuta a controllare lo stato di manutenzione delle caldaie per il riscaldamento presenti nel territorio dei Comuni con un numero di abitanti inferiori a 40.000. 

Per i Comuni di Senigallia e Ancona si consiglia di consultare il sito dell' Agenzia per il Risparmio Energetico.

 
 

Cosa si deve fare per autocertificare il proprio impianto termico?

Il responsabile dell'impianto termico (il proprietario o l'occupante a qualsiasi titolo dell'unità immobiliare dotate di impianti termici individuali o l'amministratore nel caso di edifici dotati di impianti termici centralizzati) deve:

  1. verificare che il proprio manutentore abbia aderito all'iniziativa Bollino Verde per il territorio in cui è installato l'impianto. L'elenco dei manutentori aderenti per la Provincia di Ancona è reperibile nel sito dell'A.R.E.;
  2. effettuare la manutenzione in base alle tempistiche previste dalla normativa vigente per il proprio impianto;
  3. farsi apporre senza oneri aggiuntivi il "Bollino Verde".

L'onere di trasmissione della documentazione è a carico del manutentore.
Il costo dell'autocertificazione pari a 7 euro (IVA inclusa) è a totale carico del manutentore; non è quindi più necessario effettuare da parte dell'utente alcun versamento.

La lista dei manutentori aderenti all'iniziativa Bollino Verde per la Provincia di Ancona, che possono autocertificare gli impianti ai propri clienti è consultabile nel sito dell'A.R.E.

 

Quali impianti devono essere autocertificati?

Devono essere autocertificati tutti gli impianti termici destinati al riscaldamento degli ambienti con o senza produzione di acqua calda sanitaria o impianti destinati alla sola produzione centralizzata di acqua calda indipendentemente dalla potenza della caldaia.

 

Cosa comporta non autocerificare il proprio impianto?

Sugli impianti termici non autocertificati entro il termine stabilito (cioè privi di bollino verde), al fine di verificare l'osservanza delle norme relative all'esercizio e alla manutenzione, sono svolte ispezioni onerose con costi a carico del responsabile della manutenzione e dell'esercizio. È inoltre prevista dalla Legge Regionale una sanzione da 100,00 a 600,00 euro per la mancata autocertificazione.
Per gli impianti dotati di bollino verde sono effettuate ispezioni a campione, volte ad accertare la rispondenza delle condizioni di esercizio e manutenzione rispetto a quanto dichiarato nel rapporto di controllo tecnico. Per gli impianti con bollino verde l'ispezione è gratuita. Si provvederà a controllare annualmente almeno il 5% degli impianti presenti nel territorio di competenza, a partire da quelli per i quali non sia pervenuta alcun rapporto di controllo tecnico.

 

Qual è la periodicità dell'autocertificazione dell'impianto?

 

Per coloro che hanno gli impianti nei Comuni con meno di 40.000 abitanti, di cui la Provincia di Ancona nè ha la competenza, il termine ultimo per l'autocertificazione è il 31 gennaio 2012.

 

Per il Comune di Senigallia è il 31 gennaio 2012

 

Per il Comune di Ancona è il 31 gennaio 2012

 

 
 

via Menicucci, 1  - Ancona  |   tel 071.58941  |   C.F.  00369930425

 
Validatore Validatore